Blue Whale: Balena Azzurra – il nuovo gioco horror.

Il Blue Whale è nato in Russia e ha già portato alla morte 157 adolescenti. Il nuovo “gioco” dell’orrore consiste nel seguire alcune regole per 50 giorni e l’ultimo giorno bisogna suicidarsi.

Purtroppo questo terribile “gioco” è arrivato anche in Italia dove lo scorso febbraio un 15 enne di Livorno si è suicidato da un palazzo di ventisei piani per seguire queste 50 regole assurde.

In Russia il Blue Whale ha già portato alla morte 130 adolescenti che per seguire la moda del momento si sono buttati da palazzi molto alti dopo aver seguito tutte le regole ed aver inviato il materiale fotografico, che testimonia la cosa, al tutor che detta loro le regole.

Pochi giorni fa Matteo Viviani de Le Iene ha intrapreso un lungo viaggio in Russia per approfondire il tema. I tutor (detti anche curatori) dettano ai giovani ragazzi, che decidono di prendere parte al Blue Whale, le regole del gioco.

Alcune delle regole:

  1. Tagliarsi la mano e inviare la foto al curatore;
  2. Alzarsi alle 4.20 del mattino e guardare video psichedelici;
  3. Tagliarsi il braccio lungo la vena, non troppo in fondo. Fare tre tagli e inviare una foto al curatore;
  4. Disegnarsi sul braccio una balena e inviare foto al curatore;
  5. Incidersi “YES” sulla gamba se si è pronti a essere una balena, se no bisogna punirsi alcuni tagli.

Andando avanti le regole del Blue Whale diventano sempre più assurde:

  1. alzarsi alle 4.20 di notte e andare sul tetto di un palazzo alto;
  2. tagliarsi il labbro;
  3. procurarsi dolore molto forte;

Al 26esimo giorno il tutor comunicherà finalmente il giorno del suicidio, senza pensare che dal 30esimo al 49esimo giorno l’adolescente dovrà alzarsi alle 4.20 del mattino e guardare film horror e farsi un taglio al giorno. Il tutto come dicevamo fotografato.

Il 50esimo giorno, giorno del suicidio, l’adolescente dovrà andare in cima ad un palazzo molto alto e si dovranno buttare giù. Con loro in questo momento del suicidio saranno presenti altri partecipanti al Blue Whale che documenteranno il momento fatidico.

Matteo Viviani durante il suo viaggio ha intervistato uno psicologo che spiega: “questo è un modo per fare il lavaggio del cervello dei giovani. Chi partecipa al “gioco” non deve dire nulla ai genitori né lasciare tracce in giro. I curatori hanno studiato il modo per condizionare le loro menti e la morte è l’unica soluzione per porre fine al Blue Whale. I tutor per portare al suicidio inviano video satanici, suicidi, morti violente ai partecipanti in modo da condizionare le loro menti. I ragazzi che entrano a far parte di questa comunità perversa hanno tra i 9 e i 17 anni”. Forse questo è il dato più preoccupante di questo gioco. Non solo adolescenti ma anche bambini indifesi che non sanno neanche a cosa vanno incontro.

Al momento solo uno dei tutor è stato arrestato: il suo nome è Philipp Budeikin ù, ha 22 anni e al momento dell’arresto ha detto di non essere assolutamente pentito: “I ragazzi sono felici di morire. Il mio obbiettivo è quello di pulire la società. Ci sono tanti scarti biologici”.

Vi consigliamo di guardare il servizio di Matteo Viviani de Le Iene per capire meglio a che grado di pazzia si può arrivare.

Alla fine del servizio Vi8viani torna in Italia, a Livorno, e incontra un amico del ragazzo che si è suicidato. L’amico dichiara che probabilmente stava partecipando al Blue Whale perché erano tanti i segnali.

“Guardate le pagine e gli amici dei vostri figli su Facebook – conclude la madre di una vittima del Blue Whale -. Guardate anche che cosa condividono. State attenti, ma non fate troppe domande. Fateli sentire amati. Questi sono i miei consigli per salvare i vostri figli da questo ‘gioco’”.

Fermiamo la Balena Azzurra.

ecco il servizio de Le Iene andato in onda il 14/05/2017.

http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/viviani-blue-whale-suicidarsi-per-gioco_721232.html

 

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata